Interpretazione da remoto (Remote Simultaneous Interpreting, RSI)

In occasione dell’emergenza Covid-19 mi sono formata sull’uso delle piattaforme per interpretazione simultanea da remoto testando diverse piattaforme specializzate per la realizzazione di eventi e conferenze multilingua online con la partecipazione di interpreti (Kudo, Voiceboxer e Zoom).

Preventivo

L’interpretazione da remoto inizia ad affermarsi nel corso del 2018-2019, ma con l’avvento dell’emergenza Covid-19 è diventata una realtà con la quale ogni interprete deve fare i conti pena la scomparsa dal mercato. Interpreti e partecipanti non si trovano fisicamente nello stesso luogo, ma partecipano all’evento collegandosi dal proprio ufficio o da strutture appositamente attrezzate (hub). L’interpretazione da remoto non è la soluzione ottimale perché presenta una serie di difficoltà tecniche (ottimo collegamento internet, dotazione informatica di altissimo livello, ecc.) e giuridiche (privacy, responsabilità sulla tutela dei dati, impedire accesso a terzi non autorizzati, ecc.), ma sicuramente può essere una valida alternativa per le situazioni in cui è impossibile incontrarsi e riunirsi nella stessa sala.

Anche in questo caso è fondamentale rivolgersi a professionisti qualificati in grado di consigliare le piattaforme idonee per la simultanea. Se, per esempio, Skype o Whatsapp sono perfetti per comunicare e fare videochiamate anche fra più partecipanti, non possono essere usati per l’interpretazione simultanea in quanto non consentono di avere a disposizione più canali (linguistici) contemporaneamente oltre a non garantire alcuna confidenzialità in ambito protezione dati.